Nice Social Bookmark

FacebookTwitterGoogle BookmarksPinterest

DIVAGAZIONI CROMATICHE di Bruno Dal fiume

COMUNICATO STAMPA

DIVAGAZIONI CROMATICHE: MOSTRA PERSONALE DEL PITTORE BRUNO DALFIUME

Sabato 18 dicembre 2010 alle ore 19.30 lo spazio Urbanwear (via Torino 13) di Trieste festeggia il primo anno di attività allestendo la mostra personale del pittore Bruno Dalfiume intitolata Divagazioni cromatiche e curata dall’architetto Marianna Accerboni. La rassegna, che propone una quindicina di lavori realizzati a olio e a tecnica mista dall’artista nell’ultimo triennio, è ospitata in uno spazio commerciale arredato con taglio innovativo, molto vivace e surreale, un concept store “Art and shop” in perfetta sintonia con le opere esposte. Visitabile fino al 29 gennaio 2011 con orario da martedì a sabato 9.00 - 13.00 / 15.30 - 19.30.

Vitalissimo e aggiornato, il pittore Bruno Dalfiume ha sviluppato nel corso di un’attività creativa quasi quarantennale un linguaggio libero e incisivo, che fonda sull’impeto cromatico, sulla libertà del gesto, sul segno e, sovente, sulla matericità, la propria forza.

Di antica origine umbra, ma triestino di nascita, il pittore, iniziato fin da bambino all’arte del disegno, però sostanzialmente autodidatta, si è accostato nel corso del tempo in modo indipendente alle diverse tendenze artistiche, sperimentando dapprima il postimpressionismo, quindi l’espressionismo figurativo e il surrealismo, fino a raggiungere l’essenziale attraverso l’inclinazione alla poetica astratta e all’informale: una meta perseguita grazie all’uso di tecniche e materiali diversi, dal disegno all’acquarello, al pastello, dalla tempera all’olio, al dripping, al collage, alla ceramica, arricchendo spesso il supporto con stucchi, catrame, grafite e con l’impiego della canapa e di sacchi di caffè.

Attraverso tali mezzi Dalfiume, che ha dipinto fino a oggi circa 1300 opere, partecipando a quasi 300 collettive e a una quindicina di personali, compone un libero universo pittorico ricco di energia, che cattura il fruitore grazie a un cromatismo luminoso e all’originale interpretazione del quotidiano e della vita attraverso un linguaggio spontaneo, intuitivo e duttile, che dello stile espressionista coglie piuttosto l’interpretazione dei maestri francesi, quali Matisse, Delaunay, Derain, Dufy e Roualt, che seppero risolvere in un’armonia tutta mediterranea, la versione nordica più angosciosa e introspettiva del movimento. Non solo, ma in una lettura anche ludica della creatività, l’artista, molto noto pure come organizzatore culturale, rende spesso leggibili i propri lavori sia in senso orizzontale che in quello verticale, celando tra le pennellate un’allusiva, accurata, simbolica, talvolta ritmica, figurazione.

Marianna Accerboni

Exhibition Catalogue / Catalogo Mostra 

                                               

Artwork in Exhibition.